1. 5
  1.  

  2. 1

    Personalmente credo che in questo caso Microsoft abbia torto (così come Unix).

    Io credo che il set dei caratteri disponibili per i nomi dei file dovrebbe essere estremamente ridotto: cifre, lettere maiuscole e minuscole, underscore e punto. ASCII.

    Ci sto pensando da un po’, ed in effetti non vedo controindicazioni serie. I nomi cool possono essere gestiti a livello applicativo, tramite librerie, convenzioni etc. Se serve: anche addestrare gli utenti a pensare nomi safe ha un suo senso.

    Mi chiedo però se questa opinione non dipenda anche dalla mia consuetudine con l’inglese.