1. 5
  1.  

  2. 3

    Sarei curioso di sapere se a qualcuno è capitato qualcosa di simile

    1. 1

      Già anni fa si discuteva di gente che pagava quattro lire qualche indiano per lavorare al posto suo. Lo “smart-working” apre nuove possibilità.

      Ciò che però mi preoccupa di più del “full remote” è l’aspetto psicologico lato employer: già le “risorse” vengono cessate/spostate a piacere, figurarsi quando una “risorsa” non è una persona in un open space ma un soggetto remoto cancellabile con un clic del mouse.