1. 3

XF vuole schierare strategicamente le tecnologie esistenti per riprogettare il mondo. In questi strumenti sono incorporati gravi rischi; essi tendono verso gli squilibri, gli abusi e lo sfruttamento de* deboli. Piuttosto che far finta di non rischiare nulla, XF propone il necessario assemblaggio di interfacce tecno-politiche reattive a questi rischi. La tecnologia non è intrinsecamente progressista. I suoi utilizzi sono inseparabili dalla cultura, in un ciclo di feedback positivo che rende impossibili il sequenziamento lineare, la previsione e la cautela assoluta. L’innovazione tecno-scientifica deve essere collegata a un pensiero teorico e politico collettivo nel quale donne, queer e persone di genere non conforme giochino un ruolo senza precedenti.

  1.