1. 4
  1.  

  2. 2

    “è stato un errore” in 3.. 2..

    1. 1

      E poi… “prometto che non succederà più”. Di nuovo.

      1. 1

        “I’m sorry”

        1. 1

          So, so sorry.