1. 1

    Lo sviluppo lo hanno fatto anche in Italia tra l’altro

    1. 2

      Open space

      Hot desking

      Praticamente hai escluso il 95% delle aziende :)

      “noi siamo l’1%, i migliori tra i migliori”

      Questo mi pare di averlo già sentito… Ahahah

          1. 2

            Riesci a spiegarti con qualche parola in più?

            1. 3

              Iniziativa inutile e pubblicità gratuita… Immagino che per rinominare i branch usino il loro computer costruiti da schiavi cinesi, quelli non contano?

          1. 2

            Assumiamo, per semplicità di ragionamento, che la totalità della popolazione installi questa app di “contact tracing”. Considerato che WhatsApp (l’app più installata al mondo) è presente sui cellulari di meno del 60% della popolazione italiana, si tratta di una assunzione estremamente improbabile nella nostra penisola. Purtuttavia è possibile che in determinate zone del territorio nazionale, le popolazioni locali aderiscano in massa a questo surreale piano di contenimento del virus.

            Considerato che l’Islanda (mi pare, era uno di quei posti al nord) è riuscita a malapena ad arrivare al 40% di installazioni avendo una popolazione tendenzialmente disponibile all’iniziativa e avendo lanciato l’app settimane prima di Immuni (e comunque pure i casi in cui è davvero servita si sono rivelati pochissimi pure per i numeri del Paese), quando l’allarme era molto più alto, per me questa è la pietra tombale del progetto. Tra l’altro è almeno un mese che vedo girare queste considerazioni (la prima volta per mano di un’amica che era bloccata in un camper in mezzo al deserto australiano da settimane: qualcuno che avesse visto più persone che canguri durante il dibattito ci sarebbe dovuto arrivare prima).

            Perché se una cosa funziona si può discutere di aspetti delicati come la privacy o il bisogno di fare più tamponi, ma se non funziona non funziona. E’ come metterci a discutere dei problemi di privacy dell’andare da un medium per farsi dare i numeri del lotto: ok, è un problema, ma ne hai uno ancora più grosso a monte.

            1. 2

              Il problema è che la percentuale di installazioni varierà notevolmente nei diversi territori.

              In alcuni territori non se la filerà nessuno. Altrove la installeranno tutti.

              Ed è dove verrà installata di più, che sarà più dannosa per la salute pubblica.

              1. 1

                Io invece credo che (non) sarà installata in modo abbastanza uniforme. Da quello che sto vedendo in giro, lo scetticismo verso Immuni è piuttosto uniforme in tutto il territorio nazionale.

                1. 3

                  Da quello che sto vedendo in giro, lo scetticismo verso Immuni è piuttosto uniforme in tutto il territorio nazionale.

                  Secondo me lo è per infondati motivi di privacy, mentre il problema qui è soprattutto tecnologico, come ha giustamente fatto notare più volte @Shamar.

                  Dico infondati perché l’app non mina la privacy più di quanto non facciano già le altre app installate sui cellulari.

                  Avete mai visto la sfilza di cose che chiede l’app di Facebook che addirittura spesso si trova preinstallata su alcuni smartphones? Ve la posto qua sotto, scusate la lunghezza ma non è colpa mia. Scommetto che gli scettici sono gli stessi che postano su facebook dal cellulere dicendo che non installeranno immuni perché viola la privacy.

                  This app (Facebook) has access to:
                  Identity
                  
                      read your own contact card
                      find accounts on the device
                      add or remove accounts
                  
                  Photos/Media/Files
                  
                      modify or delete the contents of your USB storage
                      read the contents of your USB storage
                  
                  Phone
                  
                      directly call phone numbers
                      read phone status and identity
                  
                  Device ID & call information
                  
                      read phone status and identity
                  
                  Storage
                  
                      modify or delete the contents of your USB storage
                      read the contents of your USB storage
                  
                  Wi-Fi connection information
                  
                      view Wi-Fi connections
                  
                  Location
                  
                      approximate location (network-based)
                      precise location (GPS and network-based)
                  
                  Device & app history
                  
                      retrieve running apps
                  
                  Calendar
                  
                      add or modify calendar events and send email to guests without owners' knowledge
                      read calendar events plus confidential information
                  
                  Contacts
                  
                      read your contacts
                      find accounts on the device
                      modify your contacts
                  
                  Microphone
                  
                      record audio
                  
                  Camera
                  
                      take pictures and videos
                  
                  Other
                  
                      download files without notification
                      receive data from Internet
                      read TV channel/program information
                      write TV channel/program information
                      full network access
                      read battery statistics
                      run at startup
                      draw over other apps
                      control vibration
                      modify system settings
                      install shortcuts
                      send sticky broadcast
                      prevent device from sleeping
                      pair with Bluetooth devices
                      connect and disconnect from Wi-Fi
                      read sync settings
                      control Near Field Communication
                      create accounts and set passwords
                      view network connections
                      toggle sync on and off
                      access Bluetooth settings
                      change your audio settings
                      change network connectivity
                      read Google service configuration
                  
                  1. 3

                    “eh ma allora Facebook e Google” non regge come argomentazione, c’è una bella differenza tra azienda privata e stato. In ogni caso io disinstallo sempre l’app di FB :P

                    1. 3

                      Appunto, ancora peggio! La gente si lamenta di dare un ID allo Stato Italiano che già sa dove abiti, con chi vivi, quanto guadagni e dove lavori ma accetta bellamente di regalare tutta la sua vita personale ad un privato che ha già avuto problemi legali per la diffusione dei dati personali.

                      Non voglio toccare il tema della sorveglianza di massa sulla quale non sono d’accordo in quanto evoca scenari Orwellinani dai quali sarà difficile uscirne.

                      Io comunque non l’ho installata e non penso di farlo, né per me, né per la mia famiglia. Per motivi tecnici perché sono anch’io convinto che non possa mai funzionare, non per problemi di privacy.

                      1. 2

                        Ma infatti è sbagliato anche dare tutti quei dati a Facebook, una cosa non esclude l’altra. Facebook però non controlla l’esercito (per ora)

                      2. 2

                        c’è una bella differenza tra azienda privata e stato

                        Non quando quell’azienda privata è legata mani e piedi ad almeno uno stato

                      3. 1

                        E’ un tipico caso di “doing the right thing for the wrong reasons”.

                1. 5

                  Fa un certo effetto vedere kotlin, AGPL 3.0, updated 2 minutes ago, e sorgenti inviati alle tre del mattino (fanno le ore piccole?).

                  1. 1

                    Beh sì, sono abbastanza famosi per lavorare ben più di 8 ore al giorno compresi i weekend…

                    1. 1

                      Ahi per loro sì, hanno una certa fama di assumere stakanovisti di prima fascia, e l’ambiente non pare dei migliori.

                    1. 2

                      Sì bello il remote working adesso, ma fra 5 anni quando le aziende si accorgeranno che possono pagarti 1/4 del salario attuale? Quando ci renderemo conto che saremo in competizione con gente che vive in luoghi con un costo della vita bassissimo? Sono dubbi che dobbiamo porci.

                      1. 2

                        Il dumping salariare esiste da sempre. Siamo già tutti in competizione sotto questo punto di vista.

                        Il problema non è il lavoro da remoto (IMHO). Concentriamoci piuttosto sulle aziende tritacarne, su chi fa body rental, su chi si fa sottopagare e soprattutto sulla mancanza di un sindacato competente in materia digitale.

                        Il lavoro da remoto, se correttamente sfruttato e tutelato, potrebbe portare numerosissimi vantaggi alla società.

                        1. 1

                          La mia paura è che così sia ancora più facile farlo e che i salari si abbassino sempre di più… Il punto è che, come ogni altra cosa, il telelavoro va regolamentato e non ci possiamo permettere il far west.

                          Sulla creazione di un sindacato mi trovi d’accordo, ma spesso purtroppo si trova resistenza tra i programmatori stessi.

                          1. 1

                            Il problema non è solo di salario. Il telelavoro si porta dietro tutta una serie di forme di violenza psicosociale e di sfruttamento completamente nuove. Come dici tu serve regolamentazione ma non può essere solo in merito ad ore ed euro. I problemi del telelavoro sono molto più complessi.

                            Il 28 facciamo un gruppo di studio se vi interessa: https://techworkersberlin.com/events/36

                            1. 1

                              Interessante. Segnato in calendario, grazie.

                          2. 1

                            Sono d’accordo e devo essere sincero che ci ho pensato più di qualche volta sull’eventualità e le conseguenze, ma è a tutti gli effetti già qualcosa che sta avvenendo e non per causa Covid19. E’ facile già ora essere contattati per portare all’estero lo sviluppo (in paesi in cui si paga di meno). Non mi stupirebbe vedere tra qualche anno un’evoluzione che porterà il design applicativo in casa e lo sviluppo esterno. Sullo sviluppo di progetti progetti è sicuramente “facile”, su temi di prodotto invece molto più difficile.

                          1. 2

                            Non avendo una postazione idonea, ho iniziato ad accusare vali dolori a tunnel carpale e spalla. Inoltre, prima non facevamo mai telelavoro, quindi è stato un po’ difficile abituarsi al nuovo paradigma. Sinceramente tornerei in ufficio ma solo per 2-3 giorni alla settimana. Ogni tanto ci vuole qualche chiacchera faccia a faccia coi colleghi…

                            1. 1

                              Ci vuole - per quanto dia possibile distinguere - “lavorativamente” oppure per il rapporto umano? Cioè sarebbe lo stesso trovarsi 2-3 giorni a settimana ma non con tutti i colleghi? Oppure usare uno spazio di coworking? Oppure dici proprio che servirebbero 2-3 giorni a settimana in ufficio per risolvere le questioni di lavoro?

                              1. 2

                                Entrambe, sento la necessità di avere scambi di idee e momenti di cazzeggio faccia a faccia, anche solo per sapere su cosa stanno lavorando gli altri. Quindi voto 2-3 giorni in ufficio coi colleghi. Non so se userei spazi di coworking invece.

                              1. 2

                                Ormai tutti si sono dimenticati delle app di tracciamento, non uscirà mai

                                1. 1

                                  😂potrebbe! Ho visto però che in UK mi sembra stian facendo le cose in maniera davvero transparent, speravo ma forse ero troppo ottimista :D

                                1. 1

                                  Bisogna vedere cosa rilasceranno, ma soprattutto quando pensano di mostrarli i sorgenti?

                                  1. 2

                                    “appalto di servizio gratuito” significa che Bending Spoons lavorerà aggratis? Davvero non c’è nessuna possibilità di riuso di altri software? Codice open-source?

                                    1. 2

                                      Più che farla gratis dovrebbero essere loro a pagare lo stato con tutti i dati che gli regaleremo

                                      1. 3

                                        Il protocollo lascia i dati memorizzati sul device locale. Non dovrebbe esserci passaggio di dati su cloud. A meno di tracciamenti terzi inseriti da bending spoon. Sull’open source, credo ci sia una direttiva europea a riguardo, cerca publiccode.eu (tldr se il codice è pagato coi soldi pubblici deve essere open)

                                        1. 2

                                          Non si sa ancora se i dati siano memorizzati su server e se il codice sarà rilasciato

                                          1. 1

                                            È vero, stavo dando per scontato che BS si stia muovendo nella stessa direzione in cui sembra orientarsi il settore, incluse Google e Apple.

                                        2. 2

                                          Per l’appunto…..

                                        3. 2

                                          Codice open-source?

                                          Laughs in data aggregation app

                                        1. 1

                                          Non riesco a leggere a causa del paywall :(

                                          1. 3

                                            Una cosa che odio tanto sono gli openspace, pagherei per stare in un triste ma riservato cubicolo

                                            1. 1

                                              Forse un cubicolo no, ma un ufficio da 3/4 persone, magari dello stesso team, invece di un open space da 20/30 in cui si mischiano team diversi…

                                            1. 3

                                              Ci voleva una pandemia!

                                                1. 1

                                                  Mi permetto di aggiungere alcuni punti personali, spero possano essere di aiuto e riflessione.

                                                  Imparare altre lingue all’infuori dell’italiano (inglese in particolare):
                                                  Mi ha permesso di accedere a know how e posizioni lavorative a cui altrimenti sarei stato precluso.

                                                  Accettare lavori fatti a gratis:
                                                  Quando ero ancora all’universita’ ho avuto parecchi di questi lavoretti.
                                                  Non mi hanno pagano in soldi ma mi hanno ripagano in esperienza.
                                                  Avere aiutato persone con una necessita’ reali mi e’ stato di grande aiuto per imparare tecnologie nuove e spingermi fuori dalla mi zona di comfort.

                                                  StackOverflow:
                                                  Non solo mi ha aiutato a livello di CV - inutile dire che se hai un profilo alto su SO vieni quasi automaticamente considerato un potenziale candidato - ma soprattuto mi ha spinto ad organizzare meglio i miei pensieri e rendere la mia comunicazione scritta piu’ efficace.

                                                  Anche a livello di problem solving e’ impagabile: se uno e’ capace di interfacciarsi con SO e comunicare concretamente la propria domanda la qualita’ e quantita’ di know how a cui uno puo’ accedere e’ immenso.

                                                  Read the source:
                                                  Come menzionato nell’articolo, la documentazione spesso e’ assente o obsoleta.

                                                  Per questo io di solito punto direttamente al codice. Il codice non mente mai.
                                                  Leggo il codice, se qualche parte non mi torna investigo su git qual e’ stata l’evoluzione del codice.

                                                  Mi ha aiutato immensamente anche leggere il source code di alcune librerie open.
                                                  Non sono mai rimasto deluso. Ho sempre trovato codice che non capivo e che quindi mi spingeva ad imparare.

                                                  1. 5

                                                    Penso che nel nostro campo si dia già per scontata la conoscenza dell’inglese, con solo l’italiano riesci a fare veramente poco.

                                                    1. 1

                                                      @blackrainbow mi fa piacere sentire che oggi le cose stiano cosi’.

                                                      Quando ho lasciato l’italia, nonostante avessi studiato inglese 5 anni alle superiori ed all’universita’ mi sono ritrovato totalmente impreparato.

                                                      Ricordo il trauma delle prime chiamate dei recruiter e le prime interviews.
                                                      Non mi vergogno a confessarti che mi ci sono voluti anni prima che potessi avere conversazioni decenti con colleghi madrelingua.

                                                      1. 4

                                                        Il fatto che venga dato per scontato non vuol dire che venga insegnato bene. Tutti gli italiani che conosco che parlano inglese sono fondamentalmente autodidatti.

                                                        1. 1

                                                          Infatti il livello di inglese imparato alle superiori nel mio caso non posso dire sia stato nullo, ma sicuramente insufficiente al lavoro di developer. Per quanto mi riguarda sono autodidatta anche io, adoro leggere e infatti questo mi ha permesso di leggere/scrivere a livello sostanzialmente abbastanza elevati. Hearing e speech invece sono sensibilmente inferiori.

                                                  1. 1

                                                    La stessa cosa sta succedendo in molte comunità LGBT

                                                    1. 1

                                                      Di viscidi nel mondo IT ne abbiamo già abbastanza

                                                        1. 2

                                                          Lo dice Leonardo Bianchi

                                                          1. 2

                                                            E lo dice Facebook. Riprendo quanto detto nell’altro post: la notizia fa scalpore perché si tratta di piattaforme di interesse pubblico, ma sono comunque proprietà privata. Se loro violano i ToS vanno rimossi dal sito, tutti e tutti insieme. Se si vuole rendere l’accesso ai social commerciali un diritto facente parte della propria libertà di espressione allora regolamentiamoli. Senza una regola, Facebook ha ragione.

                                                            1. 2

                                                              FB ha ragione, il punto è che la quasi totalità della nostra informazione dipende da attori privati che posso decidere in qualsiasi momento di cancellare qualsiasi contenuto in modo arbitrario. Oggi sono i fasci, domani i vegani, dopodomani le femministe ecc… E lo stato che può farci? Nulla. Queste aziende son diventate troppo grandi e han troppo potere. Dopo lo scandalo di cambridge analyitica nulla è cambiato, purtroppo.

                                                              1. 2

                                                                Il problema non è solo che sono privati. Anzi, quello non è un problema grosso. Anche i giornali o i canali TV sono privati. Il problema è che sono dei quasi monopoli.

                                                                Poi che la quasi totalità della nostra informazione dipenda da FB lo dici perché lo sai? C’è qualche studio che conferma?

                                                                1. 1

                                                                  Infatti il problema non è che sono privati, ma che sono troppo potenti.

                                                                2. 1

                                                                  È cambiato il numero di iscritti a Facebook, io per esempio ne sono uscito, anche se immediatamente prima. Se Facebook si mette a dettare una linea politica, quelli che non la seguono se ne vanno da un’altra parte. Questo purtroppo acuisce la camera dell’eco, ma la gente vuole e cerca una camera dell’eco. Io non c’ero, ma penso che si facesse così anche ai tempi dei forum.